PERSEVERANZA (2)_Rossana Mazza

Il passo faticoso, la schiena rigida sono ormai parte di lui, ma come sempre lui non li ascolta. La panchina in riva al lago è un appuntamento fisso, il luogo giusto per rigenerarsi e meditare a contatto con la natura, e di tanto in tanto ricevere un po’ di energia dai raggi del sole. Ad occhi socchiusi, ripassa mentalmente la lezione del pomeriggio. Il lento sciabordio dell’acqua ed il tepore di quel giorno, lo catapultano tra la veglia e il sonno.

La piccola palestra trabocca di voci giocose e chiacchiericci. Le corse a piedi nudi sul pavimento freddo risuonano come un applauso al divertimento. Gli adulti, pochi, sono contagiati dall’energia che li circonda, i visi rilassati e sereni.
“Eccolo!”, grida la sentinella di turno. In un batter d’occhio una lunga fila bianca si snocciola. Non in ordine di altezza e nemmeno di età, ma secondo il colore della cintura. Bianca, gialla, arancione, verde, blu, marrone, nera. L’espressione dei visi cambia, l’allegria controllata, lo sguardo attento e vigile. Il silenzio si espande, mentre dritti e fieri attendono.
Il Maestro è sulla porta, un piccolo inchino in segno di saluto e rispetto per il luogo e poi entra. Si posiziona davanti ai suoi allievi, piega a terra prima il ginocchio sinistro e poi il destro, le gambe leggermente divaricate, le punte dei piedi una sopra l’altra e si siede.
A turno, partendo dalla cintura nera alla bianca come un’onda che si inchina alla riva, lo seguono. Il primo della fila recita il Dojo Kun:

Hitotsu Doryoku No Seishin o Yashinau Koto.

(trad.  Il Karate è mezzo per rafforzare la costanza dello spirito)

Nel silenzio assoluto i palmi delle mani scivolano a terra, le punte degli indici e dei pollici si toccano, la testa li raggiunge. Solo allora, in tono rispettoso quasi mistico, esce dalle labbra di ognuno il saluto “Oss”.
L’allenamento inizia e Diego, un bimbo mingherlino dai grandi occhi azzurri e lo sguardo deciso si avvicina: “Posso stare qui vicino a te?”
“Perchè?”, chiede il Maestro.
“Voglio esser certo di capire bene tutto ciò che mi spieghi.”
Sorride a questa richiesta e spiega:
“Onora il tuo impegno e sii sempre presente alle lezioni nonostante i mille impegni. Io sono qui per te e tutti i tuoi compagni.”

Sono passati ormai cinquant’anni da quella prima lezione, inizio di un cammino volto a diffondere la disciplina e il significato del Karate-do (la via del Karate) che corre parallelo alla “via della vita “. Perseveranza, etica, rispetto, impegno, amicizia: parole sempre più difficili da spiegare ed insegnare.
Un uomo dai grandi occhi azzurri e qualche filo d’argento nei capelli si avvicina:
“Pronto Maestro?”
“Sono pronto.”
Con piglio deciso si alza e percorre la strada che lo separa dalla palestra. Un nuovo gruppo l’attende. Il saluto è sempre un momento emozionante… dal gruppo si stacca una bimba, una massa di ricci rossi cammina con lei, le lentiggini sul viso, guarda verso l’alto e dice:
“Maestro, posso stare qui vicino a te?”
Il cuore fa un balzo, lo sguardo diretto a Diego.
Non importa se la schiena duole, non importa se le ginocchia scricchiolano, solo con l’esempio potrà loro insegnare come essere il cambiamento che si vuole vedere nel mondo*.

*Cit. Insegnamento del Mahatma Gandhi.

 

 

Reading di “PANDORA, le Storie del Vaso” – Chiostro di San Francesco (Gargnano – BS) – legge Gianluigi Bergognini

 

ccCircolo Scrittori Instabili diCircolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Annunci

2 pensieri su “PERSEVERANZA (2)_Rossana Mazza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...