COMPRENSIONE (2)_Mara Fracella

William aggiunge un po’ di vino bianco al riso, lascia evaporare e poi lo ricopre con del brodo caldo. Guarda l’ora, per quando lei arriverà sarà tutto pronto.
Le cose fra loro non vanno bene, non una volta sola ha pensato di lasciarla. Lei rappresenta esattamente quello che lui non vuole dalle persone, dalla vita stessa.
Sorride ricordando il loro primo “scontro”, l’incontro rumoroso dei loro corpi.

Entrambi in ritardo, si mossero in fretta ognuno diretto alla propria postazione e bam botta e ruzzolone. Prontamente in piedi raccolse il materiale sparso:
– Le chiedo scusa, si è fatta male? Ecco tenga, credo di aver ritrovato tutto quanto era nella valigetta – terminò porgendole la mano per aiutarla a rialzarsi, ma in quel momento si accorse che lei aveva sul viso il suo telo. Delicatamente lo levò incontrando un’espressione spaventata.
– Tutto bene? Sono William. Mi dispiace per l’accaduto ero distratto – di nuovo le porse la mano per aiutarla tenendo con l’altra il telo.
Lo sguardo le scivolò dal suo volto al torace fino al pube e di colpo girò la testa di lato:
– Lei è nudo – sussurrò.
– Ah, vero. Ecco ora non lo sono più – William avvolse il tessuto intorno ai fianchi e distese il braccio. Finalmente lei afferrò la mano e si alzò.
– Piacere Catterina, con doppia t, e lei credo che sia … il mio nudo.
Entrambi scoppiarono in una risata e finalmente ognuno prese posto: Catterina dietro il cavalletto e William al centro della stanza, assumendo una posizione statuaria, ma comoda, da mantenere per i successivi venti minuti.
Durante le pause di posa un che di magnetico li attraeva l’uno verso l’altra e fu naturale incontrarsi ancora. William era affascinato dai suoi disegni, che reinterpretavano la quotidianità, racconti spogli di fisicità. Innamorato di lei e della sua arte, una cosa sola. Nel tempo, però, fu proprio quest’aspetto a non farlo sentire accettato per quello che era: un naturista. La sua Catterina, quella che gli aveva fatto conoscere un’altra dimensione dell’essere nudo, non accettava lui e il suo passato; fin da bambino aveva desiderato sentirsi libero da ogni cosa, nudo nell’anima e nel corpo solo e in mezzo agli altri, alla natura, sentire il vento che gli trapassava la pelle gli dava sensazioni di gioia e piacere.
Si commosse davanti a lei quando raccontò il suo stupore una volta divenuto adulto, che quell’istinto non era solo suo, ma rappresentava lo stile di vita del naturismo. Catterina lo guardava senza capire appieno che un suo cambiamento equivaleva per lui a una castrazione, la natura di ciò che si è non è modificabile.
Anche William aveva provato a introdurla nel mondo dei naturisti, rinunciando in seguito quando aveva capito che Catterina da una parte diceva che le piaceva e dall’altra si smentiva non accettando di denudarsi completamente. Si stavano allontanando. William era se stesso quando, nudo nell’anima e nel corpo, comunicava la propria nudità anche agli altri, condividendola. Era terapeutico, sentiva che la sua energia si liberava e scorreva senza blocchi, acquisendo un potenziale illimitato.

William bagna lo zafferano con il brodo, fa scivolare lentamente l’oro giallo sulla superficie del riso ormai pronto, mescola delicatamente e spolvera la pietanza con del parmigiano. Apre una bottiglia di vino bianco leggero, e mentre ne annusa l’estremità, suona il citofono.
– Sono io – i suoi passi riecheggiano nel vano delle scale, apre la porta d’ingresso. Si sorridono.
– Togliti il soprabito, la cena è pronta – Caterina si dirige verso l’attaccapanni sfilandosi l’indumento mentre lui l’aiuta per appenderlo.
– Sei nuda!
Lei lo guarda sorridendo:
– Sbrigati che si fredda.
– Namastè Catterina.
– Namastè William.

 

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...