“Degli Speed Date e della Filofobia” di Raffaella Tavernini

Non riesco ancora a capire perché ho accettato di accompagnarti. Devo proprio volerti bene. Te lo giuro Alessandra: stasera proprio non mi spiego perché”, disse Giulia seduta sulla Cinquecento rossa dell’amica diretta a Verona, città distante dalla loro quanto basta per sperare di non incontrare nessuno che conoscevano. Si era fatta convincere da Alessandra a partecipare a una serata speed date, strappandole, quale unica concessione, la promessa di andare lontano da casa. Sabato sera, il nome del locale bastava già per irritare Giulia: All you need is love, il primo pub in Italia a ospitare una serata speed date.

Le amiche non si dissero quasi più nulla lungo la strada: Alessandra per non innervosirla ancora di più, Giulia perché non smise un solo istante di chiedersi perché si fosse fatta convincere. Arrivarono al locale pochi minuti prima della spiegazione: la serata prevedeva che venticinque donne (venticinque zitelle disperate, fra cui lei stessa, secondo Giulia) si sedessero ad altrettante postazioni per veder sfilare davanti a loro venticinque uomini (venticinque bisbetici e forse un po’ sporcaccioni, secondo Giulia) che avevano a disposizione duecento secondi netti per convincerle del loro fascino. Per aggiungere più pepe alla serata gli organizzatori avevano previsto un modo diverso da quello convenzionale per esprimere il gradimento verso il candidato: le donne avevano un pulsante collegato a una luce verde da pigiare nel caso il candidato le avesse colpite positivamente e uno collegato a una luce rossa per i candidati da eliminare.

Giulia e Alessandra presero posizione lontane l’una dall’altra e il gioco ebbe inizio. Per le due ore successive ognuna delle due vide sfilare i medesimi candidati. Le voci e le risate dei presenti venivano illuminate da una sequenza di flash verdi e rossi, accesi a seconda di come venivano accolte le prestazioni degli uomini. La serata si concluse con una voce al microfono che annunciò: “L’evento è andato benissimo: ci sono stati ben trecento incontri positivi. Procederemo allo scambio dei numeri di telefono per le coppie che si sono piaciute e poi tocca a voi. Fateci sapere quanti saranno i matrimoni e quanti i figli”.

Giulia e Alessandra prima di andarsene si sedettero a un tavolino per bersi una meritata birra dopo la fatica dei corteggiamenti e per scambiarsi le opinioni sull’andamento della serata.

Favoloso”, disse immediatamente Alessandra, sovrastando con il suo tono pimpante ed entusiasta Giulia, che invece a mezza voce stava dicendo: “Agghiacciante”.

Come agghiacciante?”, continuò Alessandra, “C’erano dei ragazzi stupendi: quello con gli occhi verdi e il maglione rosso e quello più alto di tutti mi sono sembrati interessantissimi”.

Chi?”, rispose immediatamente Giulia, “La domanda più brillante del primo è stata sul mio tempo libero. Il peggio è stato quando mi ha detto come passa il suo: facendo esercizi di matematica. Il secondo, invece, indossava un paio di scarpe orrende. Secondo me, l’ultimo paio venduto è il suo e risale ad almeno dieci anni fa. Non l’ho nemmeno fatto parlare”.

Quante luci verdi hai acceso Giulia?”, chiese l’amica con tono tremante.

Ovviamente nessuna”, fu la risposta, “ti pare che qualcuno di questi disperati avrebbe potuto attirare la mia attenzione?”.

Io ne ho accese quindici”, concluse mestamente Alessandra, pensando che la sua voglia di innamorarsi era quasi pari alla paura di Giulia che potesse accadere anche a lei.

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...