“Scegliere” di Jlenia adain Rodolfi

Prese a correre a rotta di collo giù per la strada. Le braccia lunghe che mulinavano per mantenere l’equilibrio gli davano un aspetto grottesco. La bocca era spalancata e incamerava aria senza sosta, gli occhi sembravano più grandi sotto l’ampia fronte scoperta, i capelli lunghi in assetto aerodinamico. Le porte gli sfilavano accanto come in una pellicola di scarsa qualità, non ne distingueva i colori e faticava e capire dove fosse esattamente a causa dell’accelerazione presa. Sentì una fitta al fianco destro, il respiro era grosso e il sole lo accecava; continuò a correre comunque. Mancava poco.

La moka era sul fuoco e aveva indossato la vestaglia da casa di pile, quella che metteva in evidenza il suo fisico rotondo: sua madre le diceva sempre che così non avrebbe attratto nessun uomo. Era dimostrabile che non li attraeva comunque e la giornata di oggi ne era la prova. Con uno scatto afferrò il mollettone di plastica gialla e con le dita corte dalle unghie ben curate pinzò i capelli alla Desperate Housewives: tanto era lo stesso. Riempì la tazza e si accovacciò sul divano portando i piedi piccoli vicino al corpo. Era sicura che sarebbe successo: aveva fatto troppa pressione forse, era necessario però dare una svolta alla situazione, o no? Certo, avrebbe potuto tacere e aspettare come avrebbe voluto sua madre, ma non credeva più fosse la scelta giusta. Alla fine aveva deciso: era di nuovo sola. Quella parola le faceva salire le lacrime agli occhi di solito, non questa volta. Marco non era stato attento al loro rapporto, lo aveva sempre considerato secondario rispetto alle altre cose, così le chiamava lui. Come quella volta che per il suo compleanno se ne era andato alla partita con gli amici o quando a San Silvestro aveva prenotato un viaggio per sé e il suo migliore amico ad Amsterdam.

Scusa, ma me lo dici adesso?”, Livia era rimasta impalata alla notizia della partenza, tuttavia le scappò un sogghigno, “Mancano 3 giorni all’ultimo dell’anno! Sarebbe questa la sorpresa che preparavi?”.

Marco sembrava un angelo, era ferito per il suo egoismo e per la scenata che stava facendo: “E’ una occasione. Non potevo dire di no, staremo insieme alla Befana”, detto ciò l’aveva tratta a sé in un abbraccio irruento baciandole il naso, occhi negli occhi.

Diede una botta al cuscinone rosso accanto a lei e cacciò un urlo esasperato: “Cazzo! Cazzo! Cazzo!”. Appoggiò i piedi sul pavimento freddo lasciando la tazza sul tavolino accanto al divano; si fiondò in camera e aprì l’armadio con foga. Indossò velocemente collant neri, minigonna di jeans e una maglietta scollata che le valorizzava il seno; scelse con cura un foulard colorato da mettere attorno alle spalle e infilò i suoi stivali preferiti. “Michela? Ciao tesoro, che ne dici di un caffè in centro? Subito subito, parto ora”. Scese le scale dopo essersi truccata e aver pettinato per bene i capelli. L’aria fuori era primaverile e il sole splendeva; Livia con passo sicuro si diresse verso il centro.

Ecco la casa finalmente: si avvicinò ansante al citofono e senza aspettare di riprendere fiato suonò il campanello: Campanari Livia. Attese. Suonò nuovamente. Nessuna risposta. Si girò su se stesso, incredulo e ancora ansante. L’aveva sempre trovata in casa, ogni volta che era arrabbiata. Stavolta gli era sembrato tutto diverso: sentire la sua voce al telefono, calma e determinata, non gli aveva permesso di sfoderare le sue solite armi. Stavolta era diverso: non aveva potuto abbracciarla e sorriderle come sapeva fare lui. Questo serviva, sarebbe passato più tardi. Si, più tardi.

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...