“Balla balla ballerina” (2) di Raffaella Tavernini

Il pavimento della sala prove ubicata nei pressi del parco Santa Giustina che, data la vicinanza, veniva utilizzato quasi sempre per gli spettacoli in cartello al teatro San Candido, era stato rinnovato solo da pochi mesi con la posa di un parquet composto da pannelli in multistrato di betulla. Ogni pannello dotato di blocchi di elastomero a doppia densità per garantire un assorbimento uniforme e costante degli urti e prevenire alcune lesioni tipiche nei ballerini. Questa scelta era stata fatta dalla Fondazione che gestiva il teatro perché negli ultimi anni il numero dei musical messi in scena aveva decisamente superato quello degli spettacoli teatrali classici in cartellone.

Difficile affermare che chi ballava percepisse sul serio l’assorbimento, ma  Angelica, a dire il vero come tutti i ballerini della città, adorava quella sala prove. Il pensiero che una distorsione alla caviglia fosse meno probabile qui che in qualsiasi altra sala la convinceva addirittura di riuscire a ballare meglio. Fra la compagnia di Footloose girava la battuta che se avessero usato la sala prove come luogo dello spettacolo il risultato sarebbe stato di livello molto superiore. Provavano tutti i giorni tranne la domenica, ma dopo lo spettacolo della sera precedente il regista aveva disposto un allenamento eccezionale quella domenica mattina, per nulla contento della qualità dell’ultima esibizione. Angelica si era ritrovata con la compagnia a provare e riprovare soprattutto la scena finale, di cui Roberto Santamaria era stato particolarmente scontento.

Al termine delle prove, seduti sulle panche in fondo alla sala, Rossella aveva detto: “Sapete tutti vero che domani pomeriggio le audizioni per Saranno Famosi si terranno qui?”.

Angelica non era mai di molte parole e la risposta a questa domanda era rimasta nella sua testa: Benissimo, sarà più facile.

Footloose sarebbe andato in scena ancora per un mese, in agosto ferie per tutti e da settembre Saranno Famosi per tutta la stagione. Il gruppo di Santamaria aveva ottenuto ottimi risultati di cassetto e la sua riconferma da parte della Fondazione era stata scontata. Così come sembrava scontata la riconferma dei ballerini, anche se Santamaria non aveva voluto  evitare la giornata di provini per nessuno. Avrebbero dovuto farlo anche Caterina e Samuele, nonostante le eccezionali interpretazioni di Ren e Ariel in Footloose, anche se non c’erano dubbi sulla scelta di Caterina nel ruolo di Coco e di Samuele in quello di Leroy, i fuoriclasse della scuola di danza di Saranno Famosi.

Il pomeriggio seguente alle audizioni erano presenti tutti oltre a una ventina di ballerini esterni alla compagnia. Soprattutto ballerine. Serpeggiava quel filo di tensione che si può annusare sempre nelle situazioni di esame. A tutti venne chiesto di interpretare un breve assolo sulle note di Fame e poi fu improvvisato un ballo corale, di dieci in dieci, sulle note della stessa celeberrima canzone, arcinota, premiata anche con un oscar. Angelica non era troppo nervosa. Pensava di aver danzato bene e inoltre l’affiatamento esistente con il resto della compagnia era davanti agli occhi di tutti. Un regista smaliziato come Santamaria non avrebbe potuto ignorarlo. In piedi, fuori dalla stanza con gli altri esaminati, guardò Samuele e mimò con le mani il gesto di bere una tazzina di caffè. Samuele assentì. Mentre uscivano sotto braccio Angelica si gustò fino in fondo lo sguardo di invidia di tutte le ballerine presenti. Samuele era davvero bello e dopo un anno di repliche con la Musumeci in Footloose si poteva dire senz’altro che la sua carriera era lanciatissima. Aveva 25 anni.

Angelica ordinò il solito espresso doppio amaro in tazza grande, si appoggiò a Samuele, con un gesto per lei insolitamente affettuoso. Poi rientrarono ad attendere le scelte di Santamaria. Angelica si recò direttamente in bagno per lavarsi le mani. Entrata nella stanza sentì delle voci, prese una panca di legno per avvicinarsi alla finestra a vasistas alla sinistra del lavabo e si accorse, per la prima volta da quando danzava in quell’edificio, che la finestra del bagno era affacciata sulla sala prove. Non poté resistere e restò aggrappata sulla panca a origliare. Molte scelte a quanto pare erano già state fatte.

“Se su Samuele e Caterina ovviamente non possono esserci dubbi e nemmeno su Rossella, Maria Chiara e Federico, ho grandi perplessità per il resto”, sentì dire a Santamaria. La sua più stretta e fidata collaboratrice, che come nelle migliori tradizioni tutti pensavano avesse conquistato il posto solo perché era la sua amante, sottovalutando invece i sacrifici e i risultati che aveva raggiunto nella sua professione, disse al regista: “Oddio, per interpretare Nicole, Angelica sarebbe perfetta. Oltre a ballare molto bene canta meglio di come mi aspettavo”.

Angelica ebbe un brivido di piacere e pensò: “Ma guarda te, ho sempre sottovalutato la Castelli. Da oggi mi sarà più simpatica”.

Santamaria rispose: “Ma no, Mariangela. La Vivendi balla senz’altro molto bene e canta anche discretamente, ma dai, ha 36 anni. Non sarebbe credibile come studentessa di una scuola d’arte. Sto pensando se proporle il ruolo dell’insegnante di danza o addirittura se non sia arrivato il momento di lasciarla in panchina”.

Angelica scese dalla panca con un brivido, ma non di piacere. Si immaginò  nel ruolo dell’insegnante. Lei. Nel ruolo dell’insegnante. Di Samuele. Uscì dal bagno, si sedette per qualche minuto a fianco dei colleghi con lo sguardo fisso sul parquet composto da pannelli in multistrato di betulla, ogni pannello dotato di blocchi di elastomero a doppia densità. Si alzò, prese la sacca con il cambio, se la buttò sulle spalle, uscì in strada e non ce la fece a dirigersi alla fermata del tram. No, quel pomeriggio Angelica chiamò un taxi per tornare a casa.

 

Circolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...