“Il Monarca” di Marcello Rizza

Se lo chiedeva da giorni, la mano a accarezzarsi il volto e poi un moto di stizza. Guardò fuori dalla finestra, i raggi del sole maggese e il cinguettare giocoso degli usignoli trattenuti nell’enorme gabbia del giardino regio non poterono calmarlo. La dottoressa bussò. Aspettò. Il monarca si alzò affaticato dalla sedia, infilò la giacca da camera perfettamente stirata, si lisciò i capelli con la mano, si accarezzò ancora il mento… sì, era stato sbarbato un’ora prima, si atteggiò da suo pari e autorizzò l’ingresso alla donna.

– Buongiorno Maestà.

Non avrebbe detto altre parole se non invitata dal suo Re, e lui tacque. Margareth si era laureata al Karolinka Institute di Stoccolma col massimo dei voti 20 anni prima, aveva esercitato nei più prestigiosi ospedali privati di Boston e Londra, ora era lì a tenere in mano un vassoio in argento del 1600 con una brocca d’acqua di fonte e un portapillole di legno laccato rosso. Philip, quel suo splendido bambino che da soli venti giorni aveva imparato la sua prima parola, mamma, non lo vedeva da due settimane. Nello stesso periodo aveva dormito su una paolina d’epoca, convenientemente vestita per lo scopo, solo la cuffietta tolta e sottomano, una borsa con il necessaire medico d’urgenza da prendere al volo. A pochi metri dalla paolina c’era l’ingresso alla camera da notte regia, presidio di due alabardieri che proteggevano il monarca. La differenza tra lei e gli armigeri era che i due militari smontavano di guardia ogni sei ore. Non le era stato chiesto di assistere il monarca, di operarlo. Cinque funzionari di qualche strano apparato governativo la intercettarono direttamente in ospedale, stava entrando in sala operatoria per un delicatissimo intervento cardiaco, non glielo permisero. Il suo Re aveva bisogno di lei. Eccola, da due settimane una delle menti più brillanti della medicina internazionale, dopo essere stata portata in una struttura ospedaliera attrezzatissima all’interno del regio parco e dopo aver collaborato con una troupe di quattro cardiologi per pianificare e eseguire l’intervento al cuore del monarca, stava facendo poco più che l’infermiera per il suo Re. In silenzio appoggiò il vassoio, riempì a metà il bicchiere e aprì il portapillole. S’inchinò e uscì senza aspettare che il suo Re le prendesse.

Se lo chiedeva da giorni: chi era il cosiddetto donatore del cuore? Era il monarca e non poteva avere il cuore di uno qualunque, doveva sapere chi era ora con un cuore come quello. Il monarca ha milioni di vite da proteggere, decisioni vitali da prendere per il suo popolo. Deve avere un cuore saldo, deve pompare sangue blu, non è un uomo qualunque. Nemmeno dal punto di vista medico era uno qualunque.  Aveva problemi di compatibilità per via del sangue AB negativo e per altri dettagli medici che non capiva appieno. Certo, i servizi segreti avevano svolto approfonditi accertamenti per trovare persone idonee a essere sacrificate per l’eventuale necessità, e per qualche motivo non ne avevano trovate di perfettamente compatibili. Fino a quando si presentò in ospedale un uomo che dichiarò di non ricordare chi fosse. Parlava un inglese elegante e forbito, aveva modi educati e conosceva l’etichetta, non poteva essere uno qualunque. Eppure non risultava che qualcuno ne avesse denunciato la scomparsa, le sue impronte digitali non rivelarono nulla. Non aveva una identità. Fu curato, e ancor di più fu accudito quando i servizi segreti si accorsero che tutti i parametri medici che lo riguardavano erano compatibili con quelli del Re. Nessuno scoprì chi fosse, lui non lo ricordava. Chi era il donatore del cuore che ora batteva in lui? Poteva essere un anarchico, un terrorista, un debole, o peggio ancora un barbiere. Era questo il suo cruccio e il suo sospetto, ne aveva anche parlato al capo di gabinetto e gli aveva ordinato specifiche indagini sul mondo dei barbieri e dei parrucchieri. Con quel cuore era cambiato, non si sentiva più la stessa persona, lo stesso Re. Non si spiegava perché a ogni istante sentisse il bisogno di toccarsi il mento e si chiedesse se fosse rasato a puntino. Chi era quel maledetto donatore che, distraendolo dai suoi più importanti ragionamenti, lo costringeva con quel cuore a chiedersi se fosse o meno sbarbato?

Margareth era fuori, i due alabardieri non parlavano, non le toglievano gli occhi di dosso. Non erano sguardi nemici, ma erano fastidiosi. Il suo cuore era triste, le mancava Philip e anche quel marito litigioso che più di una volta aveva pensato di abbandonare. Il suo paziente era il Re. Continuava a ripetere dentro di sé quel motto della saggezza contadina francese: “È morto il Re, viva il Re”.  Un Re poteva morire, ce ne sarebbe stato un altro e il mondo sarebbe ancora andato avanti. Era la sua vita che sarebbe cambiata se lui fosse morto. Un funzionario con la giacca scura, alto un metro e ottantotto, dalla mascella quadrata, sempre lo stesso ogni notte alle 03:00, arrivava da lei e le porgeva un telefono cellulare. Poteva vedere lei stessa, in video, il suo Philip che dormiva tranquillo in una stanza che non conosceva, dentro una culla che non era quella scelta dai suoi genitori. Era prigioniera del suo Re, della tenuta del cuore di un monarca e di un uomo gretto che inspiegabilmente si toccava di continuo il mento, come un tic, crucciandosi per chissà quale pensiero.

 

Circolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

“Rossano, Melania e il dente di leone” di Raffaella Tavernini

“Tutto per un maledettissimo dente di leone. Che fra l’altro era sicuramente falso. Mi fai una piccola rossa, Julie?”, così disse Rossano, senza soluzione di continuità fra un pensiero e l’altro, guardando fisso negli occhi Julie anche se la sua frase era indirizzata a me.

Appoggiato con i gomiti al bancone della nostra seconda casa, la birreria di Julie, Rossano attaccò le labbra alla birretta e con un solo sorso ne bevve più di metà. Poi le staccò, posò il bicchiere sul bancone, passò l’unghia dell’indice destro sotto l’unghia del pollice sinistro fissandosi le mani e disse:  “Piuttosto intransigente la ragazza”.

Rossano tornava da una settimana in Kenya, dove avrebbe dovuto scoprire la natura selvaggia e le profonde tradizioni del suo popolo, o così almeno prometteva il depliant dell’agenzia di viaggi dove aveva prenotato la vacanza con Melania. Una vacanza last minute quando lui e Melania avevano scoperto di avere entrambi una settimana libera dal lavoro per Pasqua.

“Non è costata neanche poco ‘sta maledetta vacanza in alta stagione”, continuò Rossano e prese a lisciarsi con il pollice destro una dopo l’altra tutte le unghie della mano sinistra, dal mignolo al pollice, continuando a osservare fisse le sue mani come se stesse operando a cuore aperto.

Si frequentavano ormai da qualche mese, Rossano e Melania, il giorno in cui erano entrati in agenzia. Si poteva dire che stavano insieme: l’intenzione di non frequentare altre persone era stata esplicitata una sera a cena a casa di lei. Una sera che a entrambi, quando la ricordavano, strappava come riflesso automatico uno sguardo languido e un sorrisetto a mezze labbra al pensiero del sesso che ne era seguito. Il palesare la reciprocità delle loro intenzioni aveva sciolto qualcuna delle prime inibizioni.

Qualche altra inibizione era stata sciolta quando Melania a casa di Rossano aveva trovato un buon cinque o sei libri di Erri De Luca che “Cavolo, sembrava lo sapesse che è il mio scrittore preferito!” aveva cinguettato il lunedì mattina in ufficio alla sua collega di scrivania mentre si limava le unghie, corte e quadrate come piacciono a lei. (Che poi Rossano davvero lo sapeva che era il suo scrittore preferito, era un discreto osservatore: aveva visto a casa sua tutti i suoi libri sul ripiano più in vista della libreria, ma qualcosa di Erri De Luca gli piaceva davvero, mica avrebbe speso un settanta euro – occhio e croce – solo per fingere una cosa così sciocca. Il peso della farfalla, ad esempio, gli era piaciuto tanto da non uscire di casa una domenica intera per leggerlo. La storia del re dei camosci e del re dei cacciatori lo aveva fatto pensare a tutte le giornate, quelle calde e quelle gelide, quelle limpide e quelle umide e nebbiose, quelle brevissime e quelle interminabili, passate accovacciato ad aspettare la regina del bosco, la beccaccia, che cacciava ormai da quindici anni.)

A questo punto della relazione non era sembrato un azzardo prenotare la vacanza in Kenya, piuttosto la promessa di una settimana di sole, mare, safari, natura, amore, sorrisi inebetiti occhi negli occhi, mani incrociate intorno ai bicchieri di cocktail decorati con le bandierine di tutto il mondo, paroline oscene sussurrate nelle orecchie in coda al buffet per i dolci e tanto sesso. Perciò senza indugi erano partiti.

“I primi giorni tutto bene, amico. Il mare del Kenya, davvero, è bello. Non mi sono annoiato neanche sul lettino: dormivo, mi svegliavo, Melania mi sorrideva, ordinavo una birra, mi riaddormentavo, mi risvegliavo, ne bevevo un sorso, guardavo Melania con uno sguardo che non so come sia, ma so che le piaceva parecchio, mi riaddormentavo e via così tutto il giorno.”

“Finché… “, Rossano ordinò un’altra birra, media questa volta. Con l’unghia del pollice della mano sinistra sfiorò tutte le linee del palmo della mano destra, e continuò: “Fino al safari. Bellissimo, due giorni nella savana con pernottamento incluso. Abbiamo visto tantissimi animali: zebre, giraffe, elefanti… ma il leone. Il leone. Il leone ti giuro che mi ha guardato. Ci siamo guardati negli occhi, con rispetto. Il giorno dopo in spiaggia sembravo io il leone, ma in gabbia. Ero irrequieto. Sono andato a fare una passeggiata e in un mercatino ho incontrato la guida che ci aveva accompagnato. Mi ha detto che aveva notato lo sguardo fra me e l’animale il giorno prima e mi ha chiesto se volevo un dente di leone da portarmi a casa. Che era del tutto legale, preso da una bestia trovata morta dalle guardie del parco”.

Rossano mi guardò negli occhi, credo che lo sguardo non fosse lo stesso che riservava a Melania. Bevve un sorso di birra e continuò: “Mi è sembrato fantastico: il re della savana, il re della foresta. Forse con il suo dente al collo avrei potuto essere davvero il re dei cacciatori. Ho comprato il dente e sono tornato da Melania correndo come una gazzella. Eccitatissimo le ho mostrato il mio dente, già attaccato con un cordino al collo”.

“Amico”, continuò Rossano appoggiando il bicchiere con molta attenzione cercando di centrare alla perfezione il sottobicchiere di cartone appoggiato sul banco, “Melania si è alzata dal lettino come impazzita. Mi gridava che sono un pazzo, una bestia, un delinquente, che mi avrebbe fatto arrestare se non avessi restituito il dente. Ho scoperto che è la fondatrice della sezione locale degli attivisti contro la caccia. Inaccettabile. Fortuna siamo partiti la sera stessa. In aereo ho chiesto che mi facessero sedere lontano da quella Giovanna d’Arco di altri tempi. L’ho riportata a casa da Malpensa, ma non ci siamo più visti”.

Tutto per un maledettissimo dente di leone.

 

 

Circolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

“Io qui non ci volevo venire” di Bruno Barcellan

Ti giuro che non me lo sono inventato, è stata l’agenzia a dirmi di venire qui, in verità è stata Rosemary, la conosci no, con quella sua vocina stridula e precisa, me l’ha detto lei a nome dell’agenzia. Se poi se l’è inventato oppure davvero quei quattro rinsecchiti si sono trovati per decidere, questo non lo so. Conoscendo Rosemary, tutto può essere. Ma tu te l’immagini i quattro vecchi che si incontrano alle tre di un pomeriggio lavorativo in un bar del Queens seduti al bancone ognuno con la sua macchina fotografica poggiata in bellavista per fare a gara a chi ha l’obiettivo più lungo? Io no, ormai quelli si ignorano allegramente, ognuno crede di essere meglio dell’altro anche se poi corrono in edicola quando esce in copertina la foto di uno di loro. In ogni caso io qui non ci volevo venire e soprattutto non volevo che venissi tu, ti ho invitato solo per cortesia. Mi hai sempre fatto una testa così che se diciassette anni fa fossi venuta con me allora avresti fatto anche tu una foto come la mia, così questa volta te l’ho detto e non mi puoi più fare storie. Ma io qui non ci volevo tornare, che ti sia chiaro come questo dannato sole che mi sta uccidendo gli occhi. Per non parlare della polvere, e della sabbia, diamine! Ma se non venivo, se mi rifiutavo, lo sai come sono fatti quelli, se la segnavano per sempre e qualsiasi cosa avessi poi fatto di bello, loro avrebbero detto che però quella volta mi sono rifiutato, e usavano questa come scusa per non farmi mai entrare nel gruppo. Lo so che non dovrebbe fregarmene niente, ma far parte dell’agenzia sai cosa comporta? Sai quanto lavoro arriva senza neanche doverlo cercare? Per non parlare dei soldi, sì dei soldi! Non vivo d’aria io! E neanche tu signorina… signorina, si fa per dire. Se l’avessero chiesto a te avresti fatto lo stesso, anzi ne saresti stata orgogliosa. In ogni caso ora siamo qui e dobbiamo sfangarcela in qualche modo. Se vuoi aiutarmi, bene, altrimenti prendi il primo volo e vattene che io m’arrangio lo stesso, ma se resti mi dai una mano senza fare storie, intesi? L’interprete ha detto che è proprio lei, a guardarla sembra impossibile, so che non è bello da dire, ma a me sembra un uomo, non può essere lei, saranno anche passati diciassette anni, c’è stata la guerra e tutte le traversie che vuoi, ma a me non sembra possa essere lei. Tu che ne pensi? Ho sentito anch’io dire che certe persone possono cambiare di un po’ il colore degli occhi, boh non lo so, a volte a voler credere una cosa poi si finisce a pescare granchi grandi come il Michigan. Non lo so, metti poi che facciamo tutto un circo che l’abbiamo ritrovata: eccola qui la ragazza profuga che ha incantato il mondo con i suoi occhi, guardate come è diventata, guardate cosa succede a vivere da queste parti, e poi fra qualche mese si scopre che era una bufala, che non era lei, ma sua cugina, allora sono io che ci rimetto la faccia, per non parlare della carriera. Io qui non ci volevo tornare, tu dovevi convincermi a non venire, che non ne valeva la pena, di solito ogni cosa che faccio la critichi, questa volta niente? Questa che era l’occasione giusta per dissuadermi dal fare una grandissima, speriamo di no, minchiata? In ogni caso adesso dobbiamo farle una foto, ma non so ancora se è meglio partire dagli occhi e far rivivere la bellezza di quando era bambina o invece sottolineare il fatto che in soli diciassette anni ormai è come se fosse già vecchia, che vivere qui non è mica una passeggiata, pensa che adesso dovrebbe avere quasi trent’anni e ne dimostra il doppio. E se non fosse davvero lei? Ma tu ti fidi di questo cavolo di interprete? Io qui non ci volevo tornare! Dovevo prendere quel lavoro per Calvin Klein, ma lo sai quanto pagava? E poi dicono che le modelle pur di uscire stupende in un servizio sono disposte a tutto, te la regalano come se non fosse loro, io non ci sono mai stato con una modella vera, la più bella donna che ho avuto se stata tu, pensa te! Dai non ti offendere, dopotutto, pensaci bene, ma questo è un complimento. Ok, ti chiedo scusa, le modelle fanno schifo, sono vuote dentro e  magre come stecchi. Copriamole i capelli che sono inguardabili, questa sorta di burka viene a fagiolo, sottolineiamo gli occhi che sono sempre ipnotici, anche se forse non sono i suoi. Chissà se il marito glieli chiude con la mano sopra quando fanno sesso? Tanto loro lo fanno vestiti, cinque minuti ed è fatta. Guarda che io almeno mezz’ora sono sempre durato, questa non me la puoi negare, se vuoi dopo facciamo un ripasso, però facciamolo al buio che non voglio vedere quanto sei invecchiata.

Scusa, non volevo, torniamo al lavoro. Ho detto scusa, falla finita! Ma preferiresti un uomo di questi che la parola scusa non sa nemmeno cosa vuol dire? Il guaio è che non posso neanche cambiarle troppo l’espressione altrimenti si capisce che non è naturale, ma questa qui sembra sempre incazzata, se almeno facesse lo sguardo un attimo più dolce allora sarebbe fatta.

Forse le basta una caramella, o dell’oro, chi lo sa? Chi lo sa cosa ha in mente, se è davvero arrabbiata, o delusa o chissà cosa, forse vede te che sembri così libera di fare quello che vuoi, con i tuoi capelli, i tuoi vestiti, forse ti disprezza e invidia allo stesso tempo, la tua sfrontatezza, potertene andare in giro per il mondo, nessun uomo che ti comanda, lo ha capito subito che io non conto niente, poter vedere le stesse cose che hai visto tu, il mare ad esempio, la neve, la neve che cade a fiocchi dal cielo, e si chiede invece perché lei viaggia solo quando è costretta, quando deve scappare da qualche guerra, e non è lei a decidere dove, non decide niente lei; o forse di tutte queste cose non ha una coscienza precisa, ma le intuisce adesso mentre ti guarda con orrore, sdegno, invidia? O forse si è fatta una corazza così spessa che ormai non passa nulla. Se fossi davvero bravo come dicono, io tutte queste cose riuscirei a coglierle con un solo scatto.

Se le mostriamo la foto di quand’era bambina, forse si scioglie un po’. Passamela, ne ho una copia nel mio zaino, lì nella tasca di sopra. Di’ all’interprete di spiegarle che è lei, speriamo funzioni. Se avesse davvero il burka, uno di quelli con la stoffa traforata sugli occhi, allora le farei un primo piano di questi suoi occhi in prigione con la luce del sole che vuole entrare e loro uscire allo stesso tempo, questa sì che sarebbe la foto giusta. Vorrei fare anche, parallela, una foto a te e le tue di prigioni, che non sono fuori, ma sono dentro, dentro i tuoi occhi semplici color nocciola, sotto queste lenti a contatto colorate che ti ostini ancora a voler portare.

 

Circolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

“Cinque anni in fumo” di Alessandro Tondini

Erano già passati cinque anni da quando era andato a vivere con Maria Susanna. Cinque anni durante i quali aveva continuato a illudersi di aver trovato la musa che l’avrebbe ispirato a scrivere storie meravigliose. Non si era innamorato di lei, era stato quel bizzarro nome composto a sedurlo. Dopo che avevano fatto l’amore per la prima volta, le aveva detto che era la sua “Madonna di panna”, il suo “Sacro Dolce” che l’avrebbe nutrito di ogni più disparata fantasia. Mentre le sciorinava quegli strani complimenti non si era accorto che Maria Susanna non l’ascoltava con attenzione, ma quando Marco si infervorava non percepiva i segnali dell’ambiente, si isolava nel suo mondo sognante. Nemmeno si era reso conto, lui che odiava il fumo, che si era accesa una sigaretta. Solo quando ebbe finito la sua strana elucubrazione amorosa, un principio d’asma l’aveva riportato alla realtà. Non aveva capito che, con quella donna, si sarebbe intossicato.

Oggi, però, il suo angelo custode gli era venuto in soccorso sbattendogli in faccia la fotografia della sua condizione. Mentre guidava verso casa, una vecchia Land Rover si era immessa davanti a lui sputando un’enorme nuvola di fumo nero e, anche dopo che la sua andatura era divenuta regolare, continuava imperterrita a espellere un’orrida scia. La vettura si manteneva tutta a destra e gli lasciava un ampio margine per poterla superare, ma troppe auto provenivano nel senso opposto. Marco notò che alla guida della lenta fuoristrada c’era una ragazza. Dal finestrino sporgeva un candido braccio con una sottile mano che stringeva tra le dita una sigaretta.

Nella sua testa esplose un pensiero: ”Sta fumando mentre guida e tutto il fumo che aspira lo scarica contro di me dal tubo di scappamento! È per quello che l’auto non ha smesso di sbuffare zaffate nere. È lei la causa di quella scia puzzolente!”.

Riusciva appena a scorgere il suo profilo, bianco come il suo arto. Aveva una lunga capigliatura ondulata e corvina che svolazzava all’indietro fuoriuscendo parzialmente dal finestrino, sembrava fatta di fumo pure quella. L’auto rallentava ulteriormente e si spostava ancora più a destra, invitando chi la seguiva a superarla, ma Marco non ne aveva più voglia. Era troppo incuriosito dalla strana creatura che lo precedeva. Si era già costruito la sua fantasia: “Una ragazza fusa con la sua autovettura! Una bizzarra centaura a quattro ruote che si nutre di fumo e butta fuori fumo: l’antitesi postmoderna di una sirena ammaliatrice”.

Era fatto così. Si perdeva sempre in fantasticherie inutili e più immaginava più restava lì a respirare il veleno che lo avvolgeva. L’auto che lo procedeva e lo affumicava era la sua storia con Maria Susanna. Una storia di fumo e incomprensione. Avrebbe dovuto capirlo, l’aveva capito?

Decise di superare. Affiancò la creatura fumante sicuro che i loro occhi si sarebbero incrociati. Lei continuava a fumare con lo sguardo fisso alla strada e non lo degnò di uno sguardo. Marco era passato avanti e continuava a osservarla attraverso il retrovisore. Aveva notato che il volto di quella strana ragazza era privo di espressione, era come quello di un manichino, senza emozione.

Per forza. Non è un essere umano!”, si convinse Marco, “Appena arrivo a casa devo mettermi a scrivere qualcosa!”, era ormai rapito dall’idea di comporre una storia fantastica.

Il suo angioletto si era ormai rassegnato: “Ho fallito, non riesce a capire”.

Poco prima di giungere a casa venne inspiegabilmente attratto dall’insegna del tabaccaio. Accostò, parcheggiò l’auto e rimase fermo al volante: “Non ci avevo mai fatto caso”, disse ad alta voce, “MS, le iniziali di Maria Susanna, è un marchio di sigarette”.

Si sentiva confuso, capiva che stava ricevendo un’informazione, ma faceva fatica a decifrarla. Il suo angelo custode, incredulo, si era ridestato: ”Forse il ragazzo ha capito!”.

Marco scese dall’auto ed entrò dal tabaccaio: “Un pacchetto di MS per favore”.

Quando uscì, il cielo si era fatto tutto nero. Corse in auto e, poco dopo essere partito un tuono esplose in tutto il suo fragore. Insieme alla pioggia, si riversarono in terra migliaia di piume bianche.

 

 

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Salva

Salva

“Il ponte” di Jlenia adain Rodolfi

George Finney e Sebastian Lowen con le braccia incrociate fissavano l’altra parte del ponte con sguardo duro. George indossava il giubbotto di pelle di suo fratello Mc e il suo viso era rosso e gocciolante; Sebastian aveva, sulle spalle bruciate dal sole, due segni “di guerra”, come li chiamava lui, fatti col rossetto della madre. Dietro di loro, silenziosa e agguerrita, c’era la banda del borgo: le Tigri Nere.

Ricon Norton capeggiava, sull’altro lato, la banda delle campagne; non avevano ancora scelto un nome, erano solo la banda di Ricon. Più alto degli altri, biondo e con gli occhi azzurri, si era disegnato il volto come un apache e così aveva fatto anche il resto di loro. A un solo passo dietro di lui stava Emily Torres, la sua vice: bellissima e implacabile. L’aria calda trasportava la polvere in mulinelli rutilanti sul fondo del ponte e sotto di loro l’acqua del fiume gorgogliava placida.

Allora? Vi state cacando sotto eh?”, Emily era sempre la prima a cominciare.

Zitta tu!”, Sebastian gonfiò il petto e lisciò la pelle del suo giubbotto “Anche se sei una femmina ti posso lo stesso prendere a calci, sai?”.

Emily spostò indietro il ciuffo di capelli rossi con le mani lunghe e sorrise con l’angolo della bocca leggermente sollevato; George arrossì e sposto lo sguardo in giro.

Basta così, avete parlato abbastanza. Adesso passiamo ai fatti: avete rubato il nostro totem. Lo rivogliamo o sarà guerra”.

Ce lo teniamo, perdente! Ci ricorda il tuo faccione!”

La banda di Ricon rumoreggiò sdegnata e lui alzando la mano per quietarli disse: ”E allora…botte!”.

A quel segnale le due bande cominciarono la loro avanzata lenta verso il centro del ponte, erano quasi arrivati quando Emily gridò: “All’attaaaaccccooooooooooo!”. Le grida si alzarono e le due bande si scontrarono come due tori infuriati. Molti dei ragazzini più piccoli si tenevano a distanza facendo il tifo per l’uno o l’altro della loro brigata. George e Ricon se le stavano dando si santa ragione, rotolandosi sul legno secco; Sebastian aveva preso Emily per un braccio e cercava di darle un bel calcio nel sedere senza farle troppo male. Ad un tratto un urlo squarciò l’aria, tutto si fermò e i ragazzi si misero in ascolto come risvegliati: “Hey, ragazzi!”, era stato Denis Stanton, una Tigre, a urlare sovrastando il baccano della lotta, “Buch è caduto nel fiume!”.

Le due bande si precipitarono sul parapetto e guardarono verso il basso: Buch, il più piccolo delle Tigri Nere era appeso a un ramo in balia della corrente e sembrava stesse ingollando litri di acqua. George aveva la bocca aperta e fece qualche passo indietro portando le mani alla testa. Sebastian restò a fissare il fratellino con gli occhi rossi, non riusciva a fare un passo. Ricon guardò i suoi compagni di giochi e battendo una mano sulla ringhiera di legno gridò: “Emily, ragazzi, tutti giù con me! Facciamo una catena e andiamo a prendere il piccoletto!”, Sebastian e George con l’aria smarrita dissero quasi in coro: “Dai ragazzi, tutti con Ricon!”.

Le due bande si precipitarono giù dal ponte e sorreggendosi l’un l’altro si immersero nel fiume, formando una catena umana che contava non meno di 15 bambini. Buch era stremato e dovettero stringerlo forte per non farlo portare via dalla corrente. Quando finalmente fu in salvo, si distesero tutti sulla riva, stremati.

Le Tigri si raggrupparono in concilio lanciando occhiate espressive verso Ricon e la sua banda. Dopo pochi minuti, Sebastian estrasse dallo zaino un mattarello completamente disegnato e si avvicinò masticando un chewingum e facendo palloncini: “Tieni. Il totem. Grazie.” Ricon fece un sorriso storto e guardò Emily: “Dai pisciasotto, non crederai di cavartela così. Domani al campo del vecchio Peebody: lì non ci sono fiumi o altri pericoli e non avrete scuse. A noi le cose piace guadagnarcele”.

 

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Salva

Salva

“Discendenza di Caino” di Marcello Rizza

Calmati Ada. Smettila di tremare e risparmiami gli strali contro nostro marito. Lamech non cambierà mai”.

Era da un po’ che stavano sedute sotto l’albero nella radura dei Strìgon, faceva molto caldo. Ada sapeva che Zilla, incurante dei rovi, delle pietre affilate nascoste entro il percorso e delle dicerie, raccoglieva le erbe medicinali in quel luogo evitato da tutti. Si mormorava che nella radura inquietanti creature nate da invocazioni pagane ballassero nude al chiaro di luna all’interno del cerchio delle Dodici Sorelle. Armata di un bastone per allontanare qualsiasi pericolo capace di respirare, ferendosi più volte i piedi scalzi si era fin li inerpicata, aveva finalmente raggiunto la sua confidente, doveva sfogarsi.

Non ti ho seguita fin qui per tacere. Ha voluto raccontarmi, anche nei dettagli più cruenti, nel mentre che m’insozzava di seme, come ha torturato e ucciso il contadino che, difendendosi, l’ha ferito a un braccio. Sa che non sopporto le sue sconce vanterie, sa che poi piango quando scendo al fiume a lavarmi dal puzzo e dalle bave”.

Zilla, appoggiata all’albero, con le gambe larghe a far entrare un po’ d’aria sotto la lunga veste, ribatteva mostrando apatia e provando insofferenza.

Non posso farmi carico del dolore di chiunque, nemmeno del tuo, Ada. Son già morta di tutta la pietà che ho provato per i miei cari. Ho ancora vivido il ricordo di quando nostro marito mi ha rapita. Bambina com’ero, vedevo il sangue delle persone per la prima volta. Erano ossa della mia schiatta che sentivo fare a pezzi, sangue del mio sangue che schizzava a ogni colpo di clava inferto. Perché ancora parlarne? Non serve a niente”.

Non provarci Zilla, dividiamo lo stesso riparo, la stessa prigione. Sai bene che avevo solo nove autunni quando allenava le sue reni con me e le altre piccole del villaggio sconfitto di Maehl. Mi ha preso in moglie perché recalcitravo e vomitavo sulla sua barba sudicia. Sono ancora viva perché ho smesso di scalciare, perché scruta nei miei occhi l’odiosa rassegnazione, del mio odio si nutre, ci si eccita”.

Non poteva sottrarsi, Ada era confusa, non sapeva cosa fare mentre lei già covava qualcosa.

Stamattina era già ubriaco, sta finendo il vino. Presto non avremo più aceto per preparare gli unguenti”.

Non gli importa dei suoi uomini feriti, dei medicamenti per guarirli”, disse subito Ada, “quando i guerrieri feriti in battaglia soffrono li uccide, a suo dire per pietà, perché proviene dalla gloriosa stirpe di Caino. Provengo dalla tribù di Adamo, tanto orgoglio non posso tramandarlo ai miei figli”.

I figli, maledizione. I maschietti erano già piccole carogne, piccoli Lamech, Zilla li avrebbe anche affogati se avesse potuto, non avrebbe pianto per il sangue del suo sangue.

Ho sentito raccontare di Caino durante la funzione, di come è nato il mondo e come è morto il fratello”.

Maehl era buono e, da ciò che tramandava, Caino emergeva più come una figura triste e dannata, anziché crudele. Ho nostalgia del villaggio natio, Zilla, dei verdi colli che lo circondavano. In quella comunità la legge di Dio era nei sospiri e nei sorrisi della gente che Lamech ha sterminato. Maehl era padre, marito, pastore, infermiere e officiante”.

Ada, ho caldo, sono stanca. Mi hai fatto sedere qui per parlare di persone che non ci sono più”.

No, Zilla. Ti ho messo all’ombra a riposare e a persuaderti che il vino per i medicamenti è più importante e santo di nostro marito e delle sue sconcezze. La mia Sadha ha già cinque primavere e la tua bimba gioca con lei. Presto, sarà Lamech a giocare con loro”.

Ada non vide la luce nello sguardo di Zilla, voltata verso la composizione di pietre che componeva il cerchio delle Dodici Sorelle.

Lo so, ci penso da tempo. Ma stai arrivando a ciò che va pensato e fatto, che non va discusso. Non andare oltre con la tua lingua, non propormi congiure. Di erbe ce ne sono tante nel prato, e qualcuna di quelle che l’altra mattina ti ho visto mettere guardinga nella sacca l’ho raccolta anch’io”.

Zilla non vide la luce dello sguardo di Ada, non ne aveva bisogno. Ada ora sapeva che poteva farlo, che non sarebbe stata sola.

Ci saranno da preparare i fuochi per la cerimonia funebre, dovremo cucire tuniche grigie per i bambini. Ci sarà molto da fare”.

 

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Salva

“Un’intuizione fortunata” di Raffaella Tavernini

Era il 29 febbraio 2016. La data è importante perché già da due mesi ripetevo in continuazione il detto “anno bisesto, anno funesto”. Come tutte le sere degli ultimi giorni lavorativi (decisamente troppi per me nella settimana – non sarebbe meglio se i giorni festivi e i feriali fossero invertiti? Non sarebbe un problema lavorare il sabato e la domenica se il lunedì, il martedì, il mercoledì, il giovedì e il venerdì potessimo trascorrerli in panciolle), dicevo, come tutte le sere degli ultimi giorni lavorativi ero uscita dall’ufficio decisamente troppo tardi. E decisamente troppo stressata.

Chiudi la porta, inserisci l’allarme, prendi le chiavi, accendi il motore della mia automobile. Rosso fiammante, pulitissima. Reduce da una rimessa a nuovo in carrozzeria. Non si sentiva nemmeno più la puzza di tutte le sigarette che ci fumavo dentro. Sempre per colpa di tutto quello stress. Dopo solo pochi metri, guarda chi ti incontro proprio stasera: il mio compagno di liceo, Paolo Cattivini. Non un compagno qualsiasi: uno di quelli che mi faceva proprio ridere.

Ma ciao Paolo! Quanto tempo? Almeno dieci anni saranno passati.”

Lorella! Fermati immediatamente a salutarmi come si deve.”

Ci mancherebbe altro. Ci mancherebbe che non mi fermassi a salutare Paolo Cattivini. Metto la prima e mi accosto al lato della strada. Spengo l’automobile, scendo e chiudo la portiera.

Paoloooo! Ma che gioia vederti!”, tutta pimpante quasi saltello per i dieci metri che mi separano da Paolo e lo abbraccio.

Lui ricambia il mio abbraccio. “Lorellaaaa! Troppo tempo! Come stai?”.

A quel punto io comincio a sciorinare una sequela di parole: “Tutto bene, Paolo. E tu? Tua moglie? Tua figlia? Sai, io lavoro proprio qui. Da quanto non ti vedo? Tu stai benissimo. Sei ancora più bello”.

Per una frazione di secondo guardo gli occhi sgranati e terrorizzati di Paolo Cattivini che mi fissano e mi chiedo se, come al solito, non stia parlando troppo. Eppure, anche se sono passati tanti anni, Paolo mi conosce bene. Non sono cambiata poi tanto dai tempi del liceo. Invece mi chiede, guardando oltre le mie spalle: “È la tua auto quella lì?”.

Mi volto.

Sì.

È proprio la mia fantastica auto rosso fiammante.

Che è partita.

Da sola.

Trotterella sempre più velocemente lungo la discesa verso la strada principale. All’ora di punta.

Di un giorno lavorativo.

In una frazione di secondo scatto verso di lei (oddio, non sono Usain Bolt, purtroppo – diciamo: scatto per quanto posso).

Quanto è bella, penso.

Proprio stasera che è tutta pulita.

Accidenti, si schianterà di sicuro. Oppure distruggerà un’altra automobile. Oppure una persona. Oppure la inseguirò per chilometri.

La vedo rallentare lentamente di fronte a un marciapiede, come se temesse di salirci. E invece poi prosegue e ci sale. Si infila millimetricamente fra un palo della luce e un cartello stradale di divieto di sorpasso. Evita la panchina della fermata dell’autobus. E continua imperterrita.

La raggiungo sulla linea di mezzeria fra le due corsie, con il traffico che sembra essersi miracolosamente fermato.

Salgo.

Aziono il freno a mano.

È salva.

Sono salva.

Pallida e agitatissima, dopo averla parcheggiata, questa volta assicurandomi di aver ben inserito il freno a mano, mi avvicino a Paolo, Paolo Cattivini.

L’ho guardata un attimo pensando che ci fosse qualcuno al volante. Quando mi sono accorto che si dirigeva verso il marciapiede ho capito che non c’era nessuno”.

Davvero una intuizione fortunata, Paolo Cattivini.

ccCircolo Scrittori Instabili di Circolo Scrittori Instabili è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://circoloscrittorinstabili.wordpress.com/.

Salva